Attuali

Conosci te stesso

Progetto presso il plesso scolastico "Vidari" di Vigevano.

Il presente lavoro si propone di aiutare i bambini delle classi terze della scuola elementare “Vidari” di Vigevano a sviluppare le proprie capacità riflessive sul loro sentirsi, pensarsi bambini e definire quindi concettualmente l’infanzia. In particolare, attraverso un gioco di “cooperative learning”, vogliamo comprendere come i bambini, interagendo nel dialogo, elaborano le proprie fantasie e immagini per organizzare una definizione e una rappresentazione dell’ infanzia.

Cosa vuol dire definire? Certo non è cosa semplice definire! In particolare, il gioco diventa più complesso quando a chiedere chiarezza è la domanda delle domande: «E tu chi sei? Cosa dici di te stesso, cosa ti rende propriamente

te?».

All’interno di tale percorso si vuole offrire ai bambini la possibilità di soffermarsi non soltanto sulla rappresentazione del proprio Sé, ma anche su alcuni concetti e tematiche della vita di tutti i giorni vissute dal bambino. Tale laboratorio pratico rappresenta una sorta di sfida: i bambini sono chiamati a fare ricorso a tutte le loro risorse per affrontare il processo della concettualizzazione dello sviluppo o costruzione di idee astratte tratte dall’esperienza: una mappa semantica per la nostra comprensione cosciente (non necessariamente vera) del mondo interno ed esterno che interagisce con i contenuti affettivi

METODOLOGIA DEL CORSO

CLASSI COINVOLTE: le tre classi del terzo anno del percorso di scuola primaria.

TEMPI E DURATA: sono previsti due incontri per classe a partire dal mese di Marzo.

REFERENTI PROGETTO: Antonella Auletta, psicologa e psicoterapeuta; Maria Assunta Arcidiacone, insegnante e referente scolastica alla salute.

Attività supervisione

Nell’ambito dell’attività culturale della Associazione i soci sono gratuitamente disponibili alla supervisione dei gruppi di lavoro che operano nel campo psichiatrico e psicologico previa approvazione del Direttivo della Associazione. Per effettuare la richiesta è necessario inviare una e-mail all’indirizzo: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.